Tutte le categorie


ER CONTADINO SEMPRICIOTTO



ER CONTADINO SEMPRICIOTTO



 



 



Maria stava nella su’ stanza
co la finestra spalancata



e  discuteva 
co  Cinzia la su’ cara  amica affezionata.



Sai Cinzia , cara amica, come
sarebbe veramente bello,



se io avessi tutto pe  me  un
bellissimo  giovane uccello.



 



Sono  sicura  che  sempre,de certo, saprei  accarezzallo,



e  meglio  de tutte l’antre signore, certo, saprei
sfamallo.



Ce  passerei  unita  a
 lui  tutta  quanta
la  mi’ esistenza,



e,  sono  certa  de  passalla senza fare arcuna astinenza.



 



Un  contadino ,  che  passò de sotto , udì  quer  suo  dire,



ed  in  un
certo quar  modo , la  volle , de certo, esaudire.



Se  presentò  l’indomani  a lei  facenno un bello inchino



e  le consegno’ ‘na gabbia verde con dentro un
canarino.



 



Signorina cara  me permetta de donalle  questo  uccello?



Lei  lo  guardò  e  disse,
sconsolata , :  “ Quale  quello?”



Er  contadino  rifrette  un  poco
 cor  su’ 
fine   cervello



e  rispose: “Perché Signorina volevate n’antro
uccello? “



 



Vittorio Banda



Copyright 2010





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it