Tutte le categorie


LA TAVOLA ROTONDA



TAVOLA ROTONDA



 



Ginevra disse un giorno
all’Ancillotto:



“Nun lo  voglio  proprio er tu’ biscotto,



anche perché se lo sapesse er
Re Artù



de certo lui nun me vorrebbe
proprio più.



 



Poi ce  sarebbe anche er  Mago Merlino



che fedele come è direbbe
tutto er cretino.



Pe cui nun ne parlamo più de
st’attrazione



E pe  favore  fattene  pure tu una ragione.



 



Poi se guardo la cosa  co  gran
coscienza,



nun è che ce sia una granne
convenienza.



Tu  me  porteresti  in giro a guerreggiare



mentre qui ho tutto quanto da
magnare.



 



Come sai Excalibur appartiene
a Re Artù



e  stanne certo  che lui  nun  la
lascia più.



Senza de essa tu sei nulla
insieme a gnente



destinato ad essere sempre
cavajere servente.



 



Mentre io sono nata certo pe
essere Regina,



me lo diceva sempre mamma
ogni mattina.



Me diceva de fuggi dall’omini
senza quatrini



come  se  fossero
 dei  laidi  e
storti  cretini.



 



Come sai a corte ce stanno
tante cortigiane



che  sarebbero  felici  de
aprì  le  loro tane,



Ad  un  cavajere
, come te , arto ed  aitante



Ce  correrebbero, ne sono certa, in  tante !”



 



Er l’Ancillotto la guardò in
modo sconsolato



poi prese er coraggio e le
disse tutto d’un fiato:



“Cara  Ginevra ormai donna ti ho conosciuta,



anche se poche vorte ner
tempo io te ho avuta.



 



 



Lo scopo tuo era quello de
avere la pagnotta,



pe questo cor Re Artù hai
fatto la mignatta!



Ma  da cavajere  quale io sarò eternamente



troverò  tante che me ameranno veramente.



 



Anche se dovrò portare sempre
l’armatura,



stai  certa che  nun avrò n’antra  fregatura.



Er succo della storia è
sempre triste e amaro



guai ar  cavajere  che te nasce senza denaro !”



 



Vittorio Banda



Copyright 2011





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it