Tutte le categorie


Lerttere

Lettere 

 

 

le nostre lettere    
viaggiano per l’etere
portano i nostri sogni
i ricordi e le speranze
sono lettere
che non hanno passato
e chissà
se avranno un futuro
le nostre lettere
sono piene di noi
che ci rincorriamo
in un mondo
tornato virtuale
dopo lo splendido
tempo reale

le nostre lettere
sono sciocche
infantili
per la nostra età
un’età
che ha perso il tempo
e che ci riporta
agli anni di gioventù
la stessa
ch’è sfiorita con noi
ma che poi
testardamente
incoscientemente
facciamo rivivere
nelle nostre lettere
parole non dette
ma solo scritte
perché a noi
non sarà dato
parlar d’amore
mano nella mano

restano le lettere
a correre nell’etere
resta la nostra età
e resta chi a noi è accanto
che mai e mai ancora

leggerà
le nostre lettere
che come noi
sono ormai senza età

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ricordo di  Ballarini

 

 

la pioggia il fango
il sudore e l’orgoglio
in quella corsa sul pavè
una corsa che il destino
aveva disegnato per te
la tua rasoiata
nella piana di Donin
poi l’affondo micidiale
nel tratto di Orchies
col fango ad abbellire
il volto tuo sudato
le braccia levate al cielo
con un sorriso velato
dopo la scritta arriveè
così “Ballero” così
vincevi le tue Roubaix
e i francesi più non s’incazzano
che botte ne han prese tante
e osannano te
toscano di Firenze
nuovo re del pavè

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Milena

 

 

la luna lassù
tu la sognavi
quando la sera
quaggiù
a letto te ne andavi
chiudevi gli occhi
verdi come il mare
e ti tuffavi
nella fantasia a sognare
l’hai fatto per mesi
lunghi e uguali
sopraffatta dagli affanni
e da dolori inusuali

poi una mattina
non ti sei più svegliata
ti trovarono sul letto
con aria trasognata
il sorriso leggero
disegnato sulle labbra
e io credo davvero
che una cosa è sicura
hai toccato Milena
hai toccato la luna

Terni, 5 ottobre 1977

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa mi resta

 

 

cosa mi resta di te?
qualche parola
i lunghi silenzi
qualche mi resta poco o niente
sorriso
e le tue malinconie
mi resta poco di te
il ricordo di qualche viaggio
fatto insieme
di qualche corsa in taxi
nella città vuota di notte
e ora mi manchi
pur così vicina mi manchi
ho nostalgia delle tue parole
della tua ironia
dei tuoi occhi ambrati
del tuo piccolo seno
del tuo profumo
cosa mi resta di te?
la rabbia di saperti d’un altro
tu che mai
mi sei appartenuta
e i saluti repressi
d’adesso
li sento falsi
falsi noi stessi siamo
e tutto sembra
una commedia buffa
cosa mi resta di te?
forse i tuoi respiri affannosi
per le troppe
sigarette fumate
qualche mia carezza furtiva
e tutto sa di niente
in questo gelido novembre
fatto di niente
come di niente è stato
il nostro amore

 

 


Roma, 12 novembre 1977

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettere 

 

 

le nostre lettere    
viaggiano per l’etere
portano i nostri sogni
i ricordi e le speranze
sono lettere
che non hanno passato
e chissà
se avranno un futuro
le nostre lettere
sono piene di noi
che ci rincorriamo
in un mondo
tornato virtuale
dopo lo splendido
tempo reale

le nostre lettere
sono sciocche
infantili
per la nostra età
un’età
che ha perso il tempo
e che ci riporta
agli anni di gioventù
la stessa
ch’è sfiorita con noi
ma che poi
testardamente
incoscientemente
facciamo rivivere
nelle nostre lettere
parole non dette
ma solo scritte
perché a noi
non sarà dato
parlar d’amore
mano nella mano

restano le lettere
a correre nell’etere
resta la nostra età
e resta chi a noi è accanto
che mai e mai ancora

leggerà
le nostre lettere
che come noi
sono ormai senza età

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it