Tutte le categorie


In ricordo di Ballarini

la pioggia il fango
il sudore e l’orgoglio
in quella corsa sul pavè
una corsa che il destino
aveva disegnato per te
la tua rasoiata
nella piana di Donin
poi l’affondo micidiale
nel tratto di Orchies
col fango ad abbellire
il volto tuo sudato
le braccia levate al cielo
con un sorriso velato
dopo la scritta arriveè
così “Ballero” così
vincevi le tue Roubaix
e i francesi più non s’incazzano
che botte ne han prese tante
e osannano te
toscano di Firenze
nuovo re del pavè





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it