Tutte le categorie


Grindar da fori

Lappando come un misto vezzo al porgo

Mistinco sempre meno e me ne lasso

Soffrizzi tegli al lazzo che ti gorgo

Lasciai le toste orpelle al me che passo

 

Bisturzo mi dicea col tonfo mesto

Salzando le menarte con le aspelle

E loco mi solvea col becco pesto

Nessuno mi riffa al goggio e se ne scelle

 

Ansante ne divinco col lo cullo

Lisciante meneria de li vanalli

E meco ne divenne o al trastullo

Del pico che mi serve ognun sa valli.

 

Frecunto me gridalle con le strippe

E foco me solea grindar da fori

Illusto penebondo di su fritte

Mi inculinar so mesto caldinori

 

E seco me danai sul vel strazzuto

Come orta di prulle sul finito

Ollando ti drinai col bur forzuto

E gengo me ne itri col ginito.





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it