Tutte le categorie


la banda delle bulle - terza puntata

Si sente rumore di botte dal piano di sopra, dov'è la sede vera e propria della banda. Intanto ne vedo uscire altri due, pronti a picchiare. Ahimè (penso) è finita per le povere Tigri! Ma si affaccia qualcuno a una finestra. E' la massiccia Judy, che ha alzato in aria un ragazzo! lui si dimena e urla ma contro quella forza bruta non può far niente. Si vede che lei sta prendendo la mira per scaraventarlo giù, contro l'obiettivo più opportuno per fare più danni! Ecco: il ragazzo piomba addosso a quello che stava per sopraffare Cory. Giacciono tramortiti tutti e due (Bel colpo! urla Ketty) ma la stessa fine, ahimè, fa la povera Cory.

E l'offensiva di quel massiccio carro armato prosegue. -Lasciate stare Tanya, brutti cagnacci!- la si sente urlare. Un attimo dopo la vedo alla finestra che ha preso  per il collo due bulli e li ha alzati da terra. I due cercano di sciogliersi da quella morsa di ferro divincolandosi con ambedue le braccia, ma l'enorme scimmiona ha più forza di loro due messi insieme! Annaspano come burattini nelle manone della donna gigante. Dal basso tutti vedono che lei li inzucca uno contro l'altro, poi li inzucca un'altra volta e li molla. Non si vedono più: di sicuro giacciono privi di sensi sul pavimento della stanza.

La vittoria di Judy incoraggia Angela ma la sua situazione si è fatta disperata. La coraggiosa Ketty è facilmente sopraffatta quando ai due che lottavano con lei si aggiungono gli altri due ultimi usciti. Kevin sembra abbastanza a mal partito con l'indiavolata Angela, evidentemente più esperta di arti marziali, ma adesso ce ne sono ben quattro che si accingono a dargli man forte!

Ma ecco che esce Judy brandendo una seggiola. -Fatevi sotto se avete il coraggio!- L'affrontano in due robusti ma contro quel toro infuriato non c'è niente da fare: dopo pochi secondi la seggiola si è fracassata sulle loro teste stendendoli a terra storditi.

-Brava!- fa Angela, ma si è distratta un attimo e Kevin  le piazza un durissimo pugno al mento, che la sbilancia indietro: lui le è addosso e la colpisce ancora forte allo stomaco. Ecco che lui l'afferra, ormai traballante, per buttarla a terra.

Judy balza avanti ma la sua padrona la ferma imperiosamente. -No!- Anche gli altri due bulli se ne stanno a guardare, è inutile lottare ancora perchè tutto dipenderà da quel tremendo duello.

Col cuore in gola esco dal furgone e aspetto, pronto a far salire di corsa almeno Judy se ci sarà da abbandonare il campo, perchè è chiaro che se cade la Tigre capo, anche lei si perderà d'animo e non potrà niente contro il terribile Kevin più gli altri due. Questi al contrario, se cade Kevin, perderanno ogni volontà di resistere. Tutto sta dunque nei due duellanti.

Kevin e  Angela lottano furiosamente avvinghiati. Ma ecco che lei con un'improvvisa mossa di judo lo butta a terra! E fulminea si scatena sull'uomo con una valanga di botte e calci!

Lei respira, è tornata padrona del campo. -Ti arrendi? o ne vuoi ancora?

Lascia che lui si rialzi in piedi, ormai esausto.

-No, sei tu che sei finita- fa lui con una smorfia cattivissima. E in un attimo ha in mano un coltello. Si lancia su di lei. Angela è davvero una dura. Che amazzone indomabile! non scappa ma con delle finte prontissime cerca di schivare la lama. Ma il combattimento è troppo disuguale. E' stanchissima anche lei e non può evitare una ferita di striscio a un fianco.

Come vede il sangue, Judy si lancia come impazzita dietro a Kevin e gli afferra il braccio armato. Glielo tiene fermo con la sua forza bestiale, lui non può ferire e neanche lottare.

Judy ha deciso il combattimento? ma gliel'impedisce uno dei due bulli superstiti che arrivatole dietro silenziosamente, le dà una botta secca in testa con una gamba della seggiola rotta! la donnona si accascia a terra svenuta e bernoccoluta.

Anche l'altro bullo entra finalmente in azione. Come? lanciandosi contro di me! come se fossi anch'io uno della banda delle Tigri (vagli un po' a spiegare il retroscena in questo momento!). In fondo è un ragazzo ma mi mette in difficoltà lo stesso con certi cazzotti mica tanto da scherzo.

Ma caduta Judy, ad Angela resta una frazione di secondo prima che Kevin ora libero la finisca.  Fulminea piomba sull'uomo tirandogli in faccia un calcio di boxe tailendese, che lo schianta. L'uomo molla il coltello e cade a terra, facile vittima di un'ultima grandine di calci sferrati con tutta cattiveria. Il bullo che mi stava scazzottando si volta, insieme con l'altro guardano impietriti la feroce guerriera ormai vittoriosa.

Angela raccoglie il coltello bagnato del suo stesso sangue, e alzandolo in aria in segno di trionfo posa il piede destro sul corpo privo di sensi del nemico abbattuto. Quando la vedono brandire il coltello insanguinato verso di loro, i due bulli terrorizzati se la danno a gambe. Li vedo oltrepassare di corsa il furgone e sparire a velocità ultrasonica.

 La vincitrice si guarda intorno: la fortezza nemica è espugnata ma è rimasta in piedi solo lei! -Dai Joe, vieni qua! è stato bello lo spettacolo? Mi dispiace per te ma sono viva, adesso aiutami!

Nel furgone c'è una minima cassetta di pronto soccorso. Angela si è tolta la maglietta stracciata e io cerco di fermare il sangue, e intanto ammiro quel corpo agile e muscoloso. Ma la terribile amazzone mi guarda storto e allora decido che in fondo è meglio l'abbondante ciccia della tenerona Judy...

Il primo pensiero di Angela è proprio per la sua amata Judy: senza il suo sacrificio quel delinquente l'avrebbe sbudellata. Le buttiamo dell'acqua in faccia: lei scuote la testona e faticosamente si rialza. Ma intanto a poco a poco si stanno riprendendo dal K.O. anche gli altri, maschi e femmine. Per primi escono i due inzuccati da Judy: come vedono Kevin abbattuto e Angela trionfante, scappano via di corsa; e così anche gli altri, avviliti dalla batosta subita da un pugno di ragazze, non ci pensano neanche di ricominciare la lotta senza il loro capo. Se ne vanno barcollanti e zoppicanti, alcuni anche con delle costole rotte.

Anche le ragazze a poco a poco si rialzano, chi più chi meno malandata. Anche loro, come i maschi, stracciate, sporche, dolenti, piene di lividi, ma al contrario di loro orgogliose della vittoria e di aver combattuto da brave guerriere. E li beffeggiano senza pietà: -Venite qua! dove scappate? paura eh, finocchiettii? ma se siete il doppio di noi! venite qua che vi spezziamo!- Ma specialmente quelli che sono stati stesi da Judy non hanno la minima intenzione di ripassare sotto quel rullo compressore.

La più arrabbiata è la statuaria Ketty: -Dai, bruciamo tutto adesso!  li abbiamo stracciati! distruggiamo il loro covo!- grida minacciando col pugno gli ultimi bulli che scappano senza voltarsi.

-Certamente!- approva la comandante- ma aspettate: c'è qualcosa di buono sopra, Judy? che ci farebbe comodo? ce lo prendiamo per diritto di preda!

-Sì capo, c'è un buon frigorifero, ne avremmo proprio bisogno! - anche qua infatti, come nel covo delle bulle, c'era un collegamento abusivo con l'energia elettrica.

-Dai, vallo a prendere! e voi altre aiutatela: una forte, Ketty! o altre due!

-Aspetta, dai- finalmente intervengo- sarà pesante, loro sono distrutte! vado io... ma dei muscoli di Judy ne ho proprio bisogno, non è che ti porto giù un frigo da solo.

Così andiamo su io e Judy. Il frigo è bello (certamente rubato) ma è proprio pesante. Lo portiamo fuori, lei sta davanti e io dietro; mi ero imposto di arrivare così sino al furgone, ma quel peso di mezzo frigorifero che grava sulle mie mani sottili, basta a sfinirmi. Mentre la negrona con le sue mani di ferro e i suoi braccioni possenti non ha la minima difficoltà.

-Aspetta!- arrivati sulla porta sono costretto a cedere- Appoggiamolo un attimo in terra, se no mi cade sui piedi! non ce la faccio più...

-Come? sarà un quintale o poco più!

-Appunto.

-Ma siamo in due. Mamma mia che maschio di merda!

-Dai, chiama un paio di ragazze...

-Eh, quante storie! lo porto da sola.

-Scherzi?

-Per niente!- e si piega sui ginocchi, afferrando il frigo dietro la sua schiena. -Tu basta che me lo alzi un po' in su, che arrivi a prenderlo con le mani.

Quando il frigo è bene appoggiato su quelle manone e su quei dorsali imponenti, il gioco è fatto: la forzutona cammina spedita portandosi da sola il suo quintale e più: io l'aiuto solo a caricarlo sul furgone. Le compagne applaudono.

-Come si fa?- balbetta sconsolato Kevin che per ultimo si sta rialzando -come si fa con una banda di donne così?

Effettivamente la sola Judy gli aveva demolito la maggior parte dei suoi! 6 su 10. Più un settimo k.o., non voluto: la malcapitata Cory!

FINE TERZA PUNTATA. CONTINUA!





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it