Tutte le categorie


LA BANDA DELLE BULLE: QUARTA E ULTIMA PUNTATA

Anche Kevin ha tagliato la corda. -Bene, adesso a fuoco tutto!- comanda Angela. Arriva Ketty che ha trovato una tanica di benzina.

Versato il liquido intorno al fabbricato, una scintilla e si alzano alte fiamme. Tutte meno la Ketty che faceva l'operazione erano già salite sul furgone.

Avvio il motore, ma -Un momento!- grida Angela qui siamo in cinque! manca una! chi manca?

-Ah! Tanya!- esclama Judy -era su con me, e l'hanno stesa. Accidenti, me ne sono scordata, è là in una stanza che sarà ancora svenuta!

Tutte son prese dall'orrore. -Che si fa?- -Guarda che fuoco!- -La poveretta brucia.

Judy spalanca violentemente lo sportello e si getta fuori. Corre come una pazza, con addosso una coperta che era sul furgone. Si scaglia dentro alla casa saltando in mezzo alle fiamme.

-Judy!- gemo -che coraggio! si farà arrostire.

Passa forse un minuto. nessuno ha il coraggio di sacrificarsi a sua volta per portar fuori dal maledetto palazzaccio forse due cadaveri.

Ma no! ecco che dalle fiamme esce una figura monumentale. Judy è viva! ha buttato via la coperta in fiamme, è ormai nuda con pachi straccetti anneriti indosso, piena di scottature, ma porta in braccio Tanya priva di sensi: che posata in quei grossi braccioni sembra una piccola bambola rotta.

Tutti esultano, io per primo. Ma la gigantessa arriva al furgone in pianto dirotto: -E' morta! è morta!

E depone il corpo nel furgone.

.-E' colpa tua, Angela! maledetta! sei tu che vuoi farci fare queste cazzate! doveva sbudellarti quel cane! ma lo farò io! ti ammazzo! io non ti amo più! ti odio!

E piangeva ancora più disperatamente.

-Be', un po' ha ragione...- mi permetto io -Però un momento: non sentite che respira?

-E' vero...- e tutte intorno alla povera Tanya, accarezzarla e confortarla.

-Acqua, acqua! è mezza bruciata anche lei- fa Kate.

-Dove sono?- Tanya rinviene dopo una spruzzata d'acqua in faccia. Tutte battono le mani, felici.

-Te la sei presa di brutto con me- dice Angela a Judy -ma io ti ringrazio lo stesso per tutto quello che hai fatto. Sei una forza della natura, senza di te la grande vittoria di oggi ce la sognavamo. E come persona sei senz'altro migliore di noi.

-Scusami che t'ho detto t'ammazzo, puniscimi per questo, sei sempre il grande capo...

-Ma non sono più la tua... ehm...

-Non so Angela, so solo che se moriva Tanya era come se morissi anch'io! ti odiavo da morire... allora non era quello l'amore... è un'altra cosa...

Tutte ascoltavano in totale silenzio, sbigottite, quell'esibizione di sentimenti personali che sino allora dovevano restare, nella banda, rigorosamente coperti.

-Judy, tu in questa banda non ci sei più. Mi credi così fessa che non veda cos'è per te l'amore adesso? che non mi sia accorta di te e lui?- e accennava a me, con una faccia seria ma priva di malevolenza.

Le altre guardarono me e Judy con gli occhi sbarrati.

-Ma io... non puoi mandarmi via... hai detto che sono brava...

-E' vero! ma che sei preziosissima per questa banda, te lo dissi fin dal primo giorno: una come te non potevo farmela scappare! Ma è questa banda che non va bene per te.

Davvero commovente, la cattivona. Arrivati al covo delle bulle, le ragazze si diedero da fare per scaricare il frigorifero preda di guerra, escludendo Judy e Tanya che a stento si reggevano in piedi. Poi:

-Vattene pure, Joe!- fa Angela - il tuo furgone ci è stato utile davvero. Te l'avevo detto che non ti davo un grsn disturbo. E addio Judy!

Judy piangeva ma dopo aver baciato tutte, ultima Angela, salì in silenzio sul furgoncino e partimmo, dopo il mio ultimo saluto:

-Addio a tutte! e tu Angela, sei una vera peste ma sei una grande!

Da allora la dolce negrona sta con me. Ma il giorno dopo quell'addio, lei mi mostra il giornale.

"Un duro colpo al bullismo femminile. Sgominata una banda di ragazze. (questo era il titolo; poi:) La polizia ha arrestato Angela Williams, di anni 21, capo di una banda di ragazze autodenominatesi le Tigri, responsabili di furti e molestie e persino di risse con bande di bulli maschi. Sono state trovate in possesso di un frigorifero rubato e di diversi motorini, orologi e cellulari pure rubati. Oltre la Williams sono state arrestate altre quattro componenti la banda, ammonite e scarcerate perchè minorenni."

-Sembra che ieri lo sapesse- commento -quando insisteva che tu andassi via! Poveraccia, come dicevo era una grande, a suo modo.

-E nè lei nè le altre hanno fatto il mio nome! sarei già stata beccata anch'io. Di sicuro le avranno interrogate...

-E neanche il nome mio... A me mi mettevano dentro, non son mica minorenne... ma ha proposito, tu quanti anni hai? non lo so mica...

-Non sono più minorenne neanch'io! da un anno, domani...

-Auguri!

FINE DEL RACCONTO

 

 





Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it