Tutte le categorie


RSS

Inserimenti recenti

Una mattina

Mi alzai con gli occhi ancora pieni di sonno. Dalla finestrella vedevo gli ulivi sulla collina dietro casa già illuminati dalla luce del sole del mattino, sullo sfondo le montagne verdi di boschi. La voce della mamma: “Dormiglione, vestiti, lavati la faccia e vai a prendere il latte.

Economia politica

Cos’è l’Economia Politica? E’ la materia che studia il funzionamento di un sistema economico. Questa è la definizione classica, poi – con l’andar del tempo - è stato aggiunto “moderno di tipo "occide

Federico II

La scuola siciliana si può considerare il primo vero laboratorio organizzato di quella nuova lingua ch

La morte di Anita Garibaldi

Tutto inizia a Roma, dove Garibaldi è accorso per difendere la Repubblica nata l’8 febbraio 1849. A fine giugno la città si arrende e il 2 luglio, il generale con quattromila volontari, p

Cosa mi resta

  Cosa mi resta     cosa mi resta di te? qualche parola i lunghi silenzi qualche mi resta poco o niente sorriso e le tue malinconie mi resta poco

Milena

Milena     la luna lassù tu la sognavi quando la sera quaggiù a letto te ne andavi chiudevi gli occhi verdi come il mare e ti tuffavi nella fantasia a

In ricordo di Ballarini

la pioggia il fango il sudore e l’orgoglio in quella corsa sul pavè una corsa che il destino aveva disegnato per te la tua rasoiata nella piana di Donin poi l’affondo micidiale nel tratto di Orchies col fango ad abbellire

Lerttere

Lettere      le nostre lettere     viaggiano per l’etere portano i nostri sogni i ricordi e le speranze sono lettere che non hanno passato e chi

La scuola siciliana

La scuola siciliana si può considerare il primo vero laboratorio organizzato di quella nuova lingua che si andava imponendo e che veniva chiamata "volgare. Ma perché "volgare"? Perché era parlata dal popolo, ovvero da un ceto basso, ovvero ancora dal "vulgus", che div

Lettera di un vagabondo

Già all'alba avevo preso posto su quel sudicio marciapiede in pieno centro con la speranza di poter ricevere la carità fondamentale per la mia sopravvivenza. Mi ero portato una minuscola chitarra da strimpellare per attirare l'attenzione sulla mia indegna persona. Al mio fianc

Angelo

La mattina preferisco svegliarmi tardi. Sarà colpa di questo caldo ma non ci riesco proprio a tirarmi su prima di mezzogiorno. Poi, ieri manco a farlo apposta,  me la sono trovata di fronte, così per caso.E con questa fanno tre. Ma non mi posso lamentare, questo &egra

La vecchia ed il diavolo.

Tanti anni fa, precisamente nella quarta Era del primo Calend Inverno, esisteva un piccolo villaggio chiamato Baconchio, situato in mezzo ai monti e circondato da una fitta foresta di faggi. Gli abitanti erano gente molto povera, umile ed onesta, dedita esclusivamente ai piccoli piaceri che solo

LUCE

                                        LUCE   Era una giornata piena di

5 agosto 1573 alla prima dell'Aminta

“Signori, presto! Salperemo per l’isola Belvedere tra pochissimo! Non rallentate la fila, forza!... e lei, signorina con il cappello blu, venga avanti!” “Oh? S-sì, arrivo!” Quell’uomo tanto risoluto fu il primo che mi rivolse la parola in

La signora Duvalier

La signora Duvalier     La signora Duvalier ha sempre
Navigazione: Indietro 1 ... 7 8 9 10 11 12 13 14 15 Avanti

Più visti - Tutte le categorie



© 2012 Racconti.it